4 gennaio: “Ciao Franco Loi”

4 gennaio: “Ciao Franco Loi”

Gravissima perdita per la poesia italiana la morte di Franco Loi, uno dei più importanti poeti del secondo dopoguerra. Nato a Genova nel 1930, nel 1937 si trasferiva a Milano al seguito della sua famiglia e qui ha sempre vissuto tant’è che ha scritto la maggior parte dei  suoi componimenti in dialetto meneghino anche se il suo è un dialetto un po’ particolare, con qualche invenzione e adattamenti. Come per  tutti i grandi autori la sua poesia è leggerezza e verità, una brezza soave che rinfresca l’anima e soddisfa la sete di bellezza, d’amore e d’infinito, valori che l’uomo da sempre persegue e ricerca. I suoi versi semplici ed essenziali vanno in profondità, alle radici dell’essere di ognuno, ci mostrano una realtà che va oltre la pura apparenza arrivando talvolta ad indagare i temi esistenziali. Versi come quelli riportati in calce che hanno spessore e sostanza mantenendo però una levità e freschezza esemplari. Ed è in momenti particolari come questi che stiamo vivendo, caratterizzati da chiusure, divieti e privazioni che soffocano le relazioni fisiche, individuali e sociali, creando vuoti e silenzi che scopriamo come la poesia sia indispensabile collante che tiene unite le nostre anime e sia capace di riempire, le crepe e gli interstizi, tutte le ferite aperte da dubbi, paure e incertezze interrogandoci sul domani e sul senso profondo dell’esistenza e della nostra condizione umana. Del resto come è stato scritto la poesia, come tutta la cultura in generale, è l’unico bene che suddiviso fra tante persone,  invece di diminuire aumenta e una poesia come quella di Franco Loi è un “dono” di luce e bellezza che tutti dovrebbero conoscere e apprezzare.

G.L. – Associazione Amici Cascina Linterno

.

FORSI U’ TREMA’ CUME DE GIASS FA I STELL (da “LUNN” 1982)

Forsi  u tremà cume de giass fa i stéll,

no per el frégg, no per la pagura,

no del dulur, legriàss o la speransa,

ma de quel nient che passa per i ciel

e fiada su la tèra che rengrassia …

Forsi l’è stà cume che tréma el cor,

a tì, quan’ne la nott va via la luna,

o vegn matina e par che’l ciar se mor

e l’è la vita che la returna vita …

Forsi l’è stà cume se tréma insèm,

inscì, sensa savèl, cume Diu vor …

.

SEM POCA ROBA, DIU, SEM QUASI NIENT (da “LIBER” 1988)

Sèm poca roba,Diu, sèm quasi nient

Forsi memoria sèm, un buff de l’aria,

umbrìa di òmm che passa, i noster gent,

forsi’l record d’una quaj vita spersa,

un tron che de luntan el ghe reciàma,

la furma che sarà d’un’altra gent …

Ma cume fèm pietà, quanta cicoria,

e quanta vita se porta el vent!

Andèm sensa savè, cantand i gloria,

 e a nùm de quèl che serum resta nient.